La sai l’ultima?

220px-a_depiction_of_a_reconstructed_hsn_neuron_from_the_fly_rendered_with_ray-tracing_program_pov-ray“DEV’ESSERCI QUALCUNO CHE CONTINUA A SPOSTARE LA SOGLIA DEL RIDICOLO” (E. Flaiano)

A proposito del concorso docenti

Adesso ci suddividono in base all’età e qualcuno ha ventilato l’ipotesi che si voglia fare una scrematura per assumere solo gente sotto i 40 anni…probabile!

Questa è la buona scuola…

Ma sì, va, così è la volta buona che cambio lavoro, che alle condizioni attuali, vi assicuro, niente è peggio della scuola media!

Buona Pasqua

“Allora sia Pasqua piena per voi che fabbricate passaggi dove ci sono muri e sbarramenti, per voi apertori di brecce, saltatori di ostacoli, corrieri a ogni costo, atleti della parola Pace”

(Erri De Luca)

sfondouova

BUONA PASQUA!

In…sospeso

tagliare-filo-su-cui-c3a8-appeso-un-cuore

“E’ FACILE ESSERE BUONI. DIFFICILE E’ ESSERE GIUSTI” (V. Hugo)

A scuola è capitato un fatto molto spiacevole e sulla tavola ci sono tutti gli ingredienti: la vittima, il colpevole, la folla, le regole, la pena, il dubbio.

Sono stati giorni di tensione, fatica, pensieri, confronti, proposte ed oggi il Consiglio di Classe al gran completo, corredato di preside e genitori riunito in seduta straordinaria per deliberare sulla sospensione di un alunno.

Con tutta l’accuratezza e la lucidità necessarie, con le spiegazioni più chiare e semplici, le evidenze sul piatto, il regolamento in una mano e, si spera, la coscienza nell’altra, abbiamo deliberato la decisione che dovrebbe essere la più corretta e la più allineata ai principi educativi prima e più che punitivi.

Ma una decisione come questa ha un peso, un costo, quel costo che è da mettere in conto ogni volta che si “maneggia” materiale umano.

E allora osservo gli educatori presenti, me compresa, osservo da giorni: chi invoca la giustizia e, in verità, somiglia più al boia sul patibolo che ad un illuminato legislatore; chi si lamenta del tempo che perderà, del fatto che deve venire apposta; chi si interroga; chi ha un approccio emotivo e chi razionale; chi giudica; chi vuole la testa del mal capitato e fa convergere su di lui tutto il male; chi si chiama fuori e punta il dito.

La scuola è proprio una lente di ingrandimento sulla società ed è proprio questa ad uscirne sconfitta! Sono gli adulti, presunti educatori, che gravitano intorno a questi ragazzi spesso sottovalutando che loro ci osservano.

Quanta passione ci metti nel tuo lavoro? Quali domande ti poni? Quanto rifletti sul senso e il valore della comunità?

Perchè il colpevole, seppure identificabile in modo certo, è pur sempre inserito in una comunità.

Una comunità che spesso è indifferente, frettolosa, individualista, giudicante, competitiva ed efficiente, ma poco umana. Una comunità che ha smarrito il senso dell’altro, della pietà, del bene comune.

E così facendo destinata a fallire.

E’ buffo, personalmente associo la parola straordinario a qualcosa di spettacolare in quanto a bellezza e commozione, ma qui di grandioso sembrava non esserci niente. O forse, sarà grandioso quel che nascerà se l’occasione non andrà persa e la lezione verrà imparata, perchè, come diceva qualcuno…“dal letame nascono i fiori”

 

Succede davvero (62)

charlie-brown-aaughQuando il riposo è una necessità…

Ieri in prima spiegando geometria ho detto:

“Le rette incidenti si incontrano in un…pullman”…ops!!!😯

Sguardi smarriti per una frazione di secondo, poi…risata generale!!! Ridevo anche io!:mrgreen:

Forse sono davvero stanca, molto stanca😉

Indietro tutta

mediocrity“I GRANDI SPIRITI HANNO SEMPRE TROVATO LA VIOLENTA OPPOSIZIONE DELLE MENTI MEDIOCRI” (A. Einstein)

Giusto ieri ci ha raggiunto la notizia della scomparsa di una delle eccellenze del nostro secolo e proprio oggi leggo questo:

Bocciatura_assurda

Praticamente, il manifesto del buonismo e l’esaltazione della mediocrità.😦

E, allora, ribadisco con convinzione che io, invece, voglio fare differenze, perchè le fa la vita stessa, perchè non voglio illudere la gente di capacità che non ha, perchè è utile e urgente che ritrovino il senso della realtà e perchè imparino che ognuno ha la sua parte di responsabilità, soprattutto riguardo la propria riuscita o disfatta.

Io non allevo larve!

E giuro che adesso gli rispondo a quello che ha scritto l’articolo!

A colloquio con l’esperto…

image012“UN ESPERTO E’ UNA PERSONA CHE EVITANDO TUTTI I PICCOLI ERRORI PUNTA DRITTO ALLA CATASTROFE” (A. Bloch)

Antefatto: in classe c’è una ragazzina che sembra assente, lontano, con quello sguardo perso di chi non sa neppure dove si trova, come se intorno a lei tutti parlassero assiro-babilonese.

A novembre ci mettono in mano una certificazione di dsa, quindi ci attiviamo come si fa di consueto nelle scuole. La situazione non solo non migliora, ma addirittura peggiora e fortunatamente in classe abbiamo l’insegnante di sostegno, che può coadiuvarci nel lavoro con questa ragazzina.

Circa un mesetto fa, insieme all’insegnante di sostegno convochiamo la mamma, le descriviamo la situazione e le chiediamo di organizzare un incontro con le psicanaliste per progettare insieme una strategia.

Arriviamo all’incontro. La mamma non c’è, nonostante sia noi insegnanti che le psicanaliste avevamo richiesto la sua presenza. La chiamano, dice che non aveva capito. E qui la prima perla: la psicologa esclama:

“Interessante questo fatto che la mamma che non capisca, forse c’è familiarità” 😯

Il collega ed io descriviamo la situazione drammatica e la psicologa: “quindi pensate che abbiamo sbagliato la diagnosi?” (se non lo sa lei…)

Insomma, dopo aver sviscerato nel particolare la questione, la chiosa della psicologa è che, in effetti, non è proprio dsa e nel suo caso gli strumenti compensativi/dispensativi potrebbero non essere facilitanti perchè lei, udite udite, ha grossi disturbi nella comprensione del linguaggio, praticamente non associa un significato a quello che sente o legge e quindi non capisce cosa si intende. Inoltre, non ha logica, non capisce proverbi, modi di dire, pubblicità, ironia.

Allora, tutto questo non è grave…di più!!! Praticamente mi stai dicendo che la poverina non capisce niente e non c’è rimedio e poi la certifichi come dsa, quindi non bisognosa di sostegno e tenuta a fare l’esame come tutti e i contenuti di tutti???

Ma come lavora la gente? Ma qualcuno ci pensa ai ragazzini o siamo solo preoccupati di compiacere i genitori, i pedagogisti, il preside, il governo?!